Colonscopia nei bambini: parliamone insieme

Esami invasivi come la colonscopia non vengono mai eseguiti a cuor leggero dai pazienti, a maggior ragione se questi ultimi sono bambini.

Ma è possibile eseguire la colonscopia nei bambini? E quali rischi si corrono?

Colonscopia nei bambini

Colonscopia nei bambini

Domande come queste sono comuni nei genitori di piccoli pazienti che si trovano a dover eseguire esami diagnostici invasivi come la colonscopia.

Cerchiamo di chiarire i dubbi.

Il paziente pediatrico può essere sottoposto a colonscopia?

Assolutamente sì. Anche il paziente pediatrico può eseguire l’esame colonscopico, esattamente come l’adulto.

Come si svolge l’esame nel paziente pediatrico?

Viene introdotta, attraverso l’ano, una sonda flessibile chiamata videoendoscopio, la quale è in grado di trasmettere le immagini ad un monitor controllato dal medico. Il paziente pediatrico non sentirà alcun dolore ne fastidio in quanto l’esame viene effettuato sotto sedazione.

Quanto dura la colonscopia in un paziente pediatrico?

L’esame ha una durata complessiva di circa 30 minuti.

I bambini più grandi sono assolutamente in grado di eseguire la preparazione alla colonscopia, la quale è indispensabile per una corretta valutazione diagnostica, a casa propria, il giorno precedente l’esame. Per i più piccoli si consiglia il ricovero il giorno antecedente l’esame.

E’ possibile intervenire chirurgicamente durante l’esame?

Sì. Qualora fosse necessario è possibile eseguire una polipectomia (asportazione di polipi intestinali) o una biopsia (asportazione di un frammento di tessuto per un successivo esame istologico).

Quali sono i rischi della colonscopia nel bambino?

I rischi sono paragonabili a quelli della colonscopia nel paziente adulto; la colonscopia non è un esame diagnostico pericoloso né negli adulti né nei bambini. Parliamo di rischi, quali perforazione o emorragie, nell’ordine di una percentuale che varia dallo 0,3% all’ 1%). Per prevenire qualsiasi rischio di perforazione, è generalmente consigliabile l’esecuzione di una colonscopia robotica. Nella tecnica robotica, la flessibilità della sonda e il suo particolare funzionamento (viene comandata da un joystick esterno che consente al colonscopio di seguire naturalmente le curve dell’intestino) minimizzano il rischio di perforazione.

Cosa fare se una volta eseguito l’esame compare sangue nelle feci?

E’ opportuno contattare il medico curante o recarsi ad un pronto soccorso.

E’ bene ricordare che il medico prescriverà un esame endoscopico invasivo solo se il paziente pediatrico ne avrà reale necessità.