COLONSCOPIA

Ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2017

Colonscopia significa “guardare nel Colon“. E’ un esame endoscopico che permette di eplorare dall’interno la parte inferiore del tubo digerente costituito da Retto, Sigma, Colon Discendente, Colon Traverso, Colon Acendente e Cieco.  La colonscopia ha finalità  sia diagnostiche che operative e viene eseguita introducendo delicatamente attraverso l’ano una sonda flessibile chiamata Colonscopio, contenente una piccola telecamera ed uno o piu’ canali operativi attraverso i quali è possibile introdurre o aspirare gas o liquidi e strumenti vari quali ad esempio pinze da biopsie, aghi, strumenti per il recupero di polipi. In caso di colonscopia robotica, verrà utilizzato un robot monouso anzichè la classica sonda flessibile.

Questo esame richiede un’attenta preparazione costituita da un’opportuna dieta alimentare e dall’utilizzo di farmaci lassativi per la pulizia del colon. In caso di ricorso a Colon Wash, non sarà necessaria nessuna preparazione ma soltanto il rispetto di alcuni accorgimenti alimentari a partire nei giorni precedenti l’esame.

Nel corso dell’esame il medico potrà esaminate con accuratezza le pareti del colon orientando l’endoscopio a seconda delle esigenze. Le immagini riprese durante la Colonscopia verranno proiettate su uno schermo televisivo generalmente posto di fronte il medico. La colonscopia è un esame che generalmente viene eseguito dallo specialista Gastroenterologo o comunque da un espero di endoscopia digestiva.

Immagine scattata durante una Colonscopia

Immagine scattata durante una Colonscopia

Indice

A cosa serve la Colonscopia

La Colonscopia può essere prescritta per diversi ragioni e risulta essere sempre di più uno degli esami diagnostici più frequentemente richiesta. Viene infatti richiesto quando il paziente presenta, ad esempio, sanguinamento gastroentestinale e quindi sangue nelle feci, oppure a seguito di calo ponderale senza apparente causa, presenza di anemia dovuta a carenza di ferro, alterazioni del colon retto rilevati nel corso di esami quali clisma opaco, tac o risonanza magnetica (per ulteriori dettagli si rimanda all’articolo quando eseguire una colonscopia).

In questi ed altri casi è la Colonscopia ad essere richiesta, in quanto esame permette di esplorare e quindi visualizzare in modo nitido e diretto le pareti ed il contenuto del Colon, al fine di scovare possibili infiammazioni, polipi, neoplasie, ulcere o lesioni. In particolare, la Colonscopia permettere di diagnosticare patologie e problematiche quali polipi intestinali, diverticoli, cancro del colon, sindrome del colon irritabile, morbo di chron, celiachia, turbe della motilità intestinale, malattie infiammatorie, infettive o restringimenti del viscere da compressione esterna o ad esempio da radioterapia. E’ anche un esame particolarmente utile per lo screening dei tumori del Colon.

Permetterà inoltre al medico specialista di eseguire anche delle procedure chirurgiche cosiddette operative, come ad esempio l’asportazione di polipi. Tramite degli opportuni strumenti collocati all’interno dell’endoscopio infatti, sarà possibile eseguire il prelievo di campioni per future biopsie o eseguire piccoli interventi chirurgici, fermare eventuali emorragie o sanguinamenti ed infine eseguire altri interventi anche di pronto soccorso. Questa procedura è importante soprattutto per i soggetti che hanno familiarità per tumori al Colon retto.

La colonscopia è un esame indicato in diverse tipologie di condizioni, quali: presenza di sanguinamento gastroentestinale (ad esempio presenza di sangue nelle feci), calo ponderale senza apparente causa, presenza di anemia dovuta a carenza di ferro, alterazioni del colon retto rilevati nel corso di esami quali clisma opaco, tac o risonanza magnetica.

La colonscopia è indicata anche per effettuare diagnosi su qualunque problema connesso a disturbi intestinali, che possono essere dolori addominali o intestinali non diversamente spiegabili, una stitichezza improvvisa o una diarrea di lunga durata.

Per ulteriori informazioni: quando eseguire una colonscopia

Video di una Colonscopia

Ecco il video in presa diretta di una Colonscopia eseguita con tecnica tradizionale. In questo video, della durata di pochi minuti, il medico presenta innanzitutto la strumentazione medica generalmente utilizzata nell’esecuzione dell’esame e spiega inoltre le loro specifiche funzioni. Il video è disponibile anche sulla nostra pagina Google+ all’indirizzo https://plus.google.com/+LacolonscopiaItitalia/posts/4PU7pPMXgen

Colonscopia meglio se robotica è indolore

Se si viene sottoposti alla colonscopia eseguita con tecnica tradizionale, l’esame risulta essere particolarmente invasivo e doloroso ed è quindi sempre necessario il ricorso a farmaci sedativi al fine di rendere l’esame del tutto o parzialmente non fastiodoso. Il dolore, generato dalla pressione della sonda endoscopica sulle pareti intestinali, può risultare particolarmente intenso e quindi non sopportabile dal paziente.

Grazie alle recenti innovazioni scientifiche, oggi si hanno a disposizione la tecnica Robotica: del tutto indolore in quanto, anzichè utilizzare la classica sonda endoscopica, utilizza un robot monouso con trazione autonoma, di conseguenza il dolore quasi totalmente assente e senza il ricorso a farmaci sedativi.

Colon del paziente

Colon del paziente

Di seguito vengono elencate tutte le tecniche per eseguire la Colonscopia con le relative specifiche, vatntaggi e svantaggi.

Colonscopia tradizionale

La colonscopia è una tipologia di esame invasivo ma può divenire ben tollerato dai pazienti grazie al ricorso ad opportuna sedazione con farmaci iniettati generalmente per via endovenosa. Grazie all’utilizzo della sedazione infatti, l’esame può divenire parzialmente o quasi del tutto indolore. Il ricorso alla sedazione o, in alcuni casi specifici, anche all’anestesia generale, permette dei notevoli miglioramenti per l’esecuzione dell’esame, rendendo appunto la procedura quasi del tutto indolore per il paziente stesso. E’ impotante che la sedazione o l’anestesia sia correttamente eseguita e opportunamente studiata per le caratteristiche del paziente.

L’eventuale presenza di fastidi nel corso dell’esame possono invece essere determinati dalla distensione delle pareti dell’intestino, distensione originata dall’introduzione di aria attraverso un canale dello strumento endoscopico. L’aria, nella maggior parte dei casi però, viene in gran parte rimossa al termine dell’esame stesso. Questa è la lista dei centri per la Colonscopia in cui è possibile sottoporsi alla colonscopia in sedazione.

Colonscopia Robotica

Se si sceglie di sottoporsi alla Colonscopia Robotica, salvo casi particolari, il paziente non dovrà sottoporsi a nessun tipo di sedazione e l’esame risulterà totalmente indolore. La colonscopia robotica infatti, grazie a delle specifiche caratteristiche del robot, permette un movimento autonomo della sonda all’interno del Colon(e non un movimento indotto come avviene per la colonscopia tradizionale), rendendo quindi l’esame completamente indolore per il paziente. Inoltre, la sonda utilizzata per la colonscopia robotica è monouso e non sottoposta o sterilizzazione come invece avviene per la colonscopia tradizionale. Questo rende la colonscopia robotica più sicura rispetto alla colonscopia tradizionale. La colonscopia robotica, al pari della colonscopia tradizionale, permette di eseguire anche procedure operative quali, ad esempio, asportazioni di polipi o biopsie. Dopo questo esame, il paziente non dovrà rispettare alcun periodo di osservazione e potrà tornare subito dopo alle proprie attività quotidiane. Questa è la lista dei centri per la Colonscopia Robotica in cui è possibile sottoporsi, appunto, alla colonscopia robotica. 

Ecco il video presentazione della colonscopia robotica

Colonscopia Virtuale

La Colonscopia Virtuale è un esame radiologico con finalità esclusivamente diagnostiche che permette di studiare il colon tramite il ricorso alla tomografica compiuterizzata (TAC) di ultima generazione. Questo esame permette di eseguire una ricostruzione tridimensionale del nostro intestino, permettendo quindi di osservare il retto, il sigma ed il colon, senza il ricorso quindi a nessuna sonda endoscopica. Questo esame risulta essere totalmente indolore e facilmente tollerabile dal paziente anche se tale tecnica risulta essere particolarmente limitata in quanto non permette alcun intervento operativo (es. biopsie): può essere impiegata soltanto per finalità diagnostiche.

Preparazione alla Colonscopia

La preparazione alla colonscopia è un processo di preparazione all’esame molto importante in quanto permetterà una corretta esplorazione del colon in condizioni ottimali. La preparazione alla colonscopia prevede infatti una dieta alimentare specifica da attuare nei giorni precedenti l’esame e l’assunzione di farmaci per l’epurazione dell’intestino.

La preparazione, da un punto di vista alimentare, prevede un regime specifico a partire dai tre giorni precedenti l’esame. In termini puramente generali ed esemplificativi, riportiamo alcuni alimenti che possono essere assunti ed altri che invece vanno evitati: non si possono mangiare Frutta, verdura, cereali, legumi, frullati, spremute, etc. Si possono invece assumere alimenti quali carne magna, pesce, latticini e formaggi, uova, etc. Per ulteriori dettagli sulla dieta si può visitare l’articolo “La dieta per la colonscopia“.

Per quanto concerne il protocollo generale infine, la procedura di preparazione alla colonscopia può subire delle sendibili variazioni a seconda della situazione specifica del paziente in trattamento. Ecco alcune indicazioni di carattere puramente esemplificativo:

  • La preparazione intestinale può prevedere l’assunzione del farmaco MOVIPREP (reperibile in Farmacia); il moviprep è costitutio da due bustine (A e B) che vanno sciolte insieme in un litro di acqua. L’assunzione del suddetto farmaco va ripetuta con un secondo litro di soluzione successivamente la prima assuzione.
  • La mattina dell’esame e il giorno precente assumure abbondamente liquidi tranne il latte e ridurre quindi il consumo di cibi solidi;
  • Nelle sei ore precedenti la colonscopia non assumere cibi solidi;
  • Non bisogna assumere purganti o praticare clisteri se non indicati;
  • Nei tre giorni precedenti la colonscopia evitare di mangiare frutta e verdura o alimenti contenenti semi
  • Poiché viene praticata una sedazione, si consiglia di venire accompagnati essendo controindicata la guida di veicoli nelle ore successive all’esame.
  • Segnalare l’uso di farmaci anticoagulanti (ad es. Sintrom , Coumadin) o aspirina, per valutare la continuazione o le modifiche nell’assunzione di tali farmaci.
  • Durante l’assunzione del Moviprep potrebbe essere ridotto l’assorbimento di altri farmaci – Il Moviprep è controindicato nei soggetti affetti da FAVISMO.

Come evitare la preparazione

Esiste una nuova tecnica, chiamata Colon Wash – Colonscopia senza preparazione – presente unicamente in alcuni dei nostri centri selezionati d’eccellenza, dove è possibile eseguire la Colonscopia senza preparazione. E’ una tecnica innovativa che permette al paziente di evitare il fastidioso”beverone” prima della colonscopia: è infatti una soluzione più  “gradita” che sfrutta il principio della già nota e diffusa Idrocolonterapia per eseguire un efficace lavaggio retrogrado del colon. Basterà presentarsi un’ora prima della Colonscopia per eseguire la pulizia del colon tramite questa tecnica. Questa è la lista dei centri in cui è possibile sottoporsi alla colonscopia senza preparazione.

Come viene eseguita una Colonscopia

La colonscopia viene eseguita dal medico in collaborazione con l’infermiere ed è suddivisa in diversi step.

Il primo step consiste, dopo un attento colloquio conoscitivo con il medico, nel far sdraiare su un lettino il paziente, generalmente sul fianco sinistro. In questa posizione l’operatore provvederà ad individuare un accesso venoso per la somministrazione della sedazione e, contemporaneamente, verranno analizzati i paramtri vitali del paziente quali pressione arteriosa, frequenza cardiaca, ossigenazione del sangue. In caso di Colonscopia Robotica la somministrazione della sedazione non è generalmente necessaria.

Nella fase successiva, quando il paziente sarà del tutto addormentato, il medico procederà ad inserire in modo delicato l’endoscopio nell’ano e lo guiderà prima attreverso il retto e successivamente verso il Colon. Durante la Colonscopia il Medico avrà l’opportunità di esplorare in modo particolarmente approfondito la situazione della mucosa gastrica e delle pareti intestinali, ma sarà anche possibile prelevare in modo indolore frammenti della mucosa sui quali effettuare esami istologici. Nel corso dell’esame l’intestino verrà gonfioto con anidride carbonica per permettere una migliore visione nel corso dell’esame. L’esame, se eseguito con specifico protocollo e quindi con ricorso a farmaci sedativi, risulterà meno fastidioso o quasi del tutto indolore per il paziente. La colonscopia robotica, a differenza della tecnica tradizionale con sedazione, è completamente indolore senza ricordo a nessun tipo di farmaco.

L’esito della Colonscopia sarà consegnato subito dopo la fine dell’esame endoscopico generalmente corredato di foto digitali.

Approfondimenti sulla Colonscopia

Accuratezza diagnostica della Colonscopia

E’ ormai scientificamente riscontrato che la Colonscopia fornisce un elevato grado di  accuratezza diagnostica per tutte le problatiche e le patologie a carico del colon. Infatti la colonscopia offre la poissibilità di un’esplorazione completa del colon, oltre alla possibilità di di riconoscere e rimuovere polipi e di eseguire un accurato campionamento istologico. Negli ultimi decenni in particolare, la colonscopia ha raggiunto traguardi sempre più ambiziosi in termini di precisione diagnostica e sopratutto di possibilità interventistiche.

I risultati dei numerosi studi clinici, fino ad oggi pubblicati nella letteratura internazionale, hanno evidenziato una significativa superiorità della colonscopia rispetto a qualsiasi altro esame in termini di accuratezza diagnostica nell’identificazione di polipi o tumori.

Quanto dura una colonscopia

E’ necessario premettere innanzitutto che la durata di una colonscopia è legata alla singola situazione specifica del paziente. Dunque per questa ragione possono esserci delle tempistiche di esecuzione particolarmente diverse da paziente a paziente. Infatti, in una colonscopia in cui non si hanno particolari problematiche o limitazioni anotomiche, può essere eseguita in pochi minuti, anche 5 o 6 minuti. In altre situazioni invece, ad esempio nel caso in cui sorga la necessità di eseguire una polipectomia(ovvero estrazione di polipi intestinali) la durata può essere anche maggiori fino ai 15 o 20 minuti.

Quanto costa una Colonscopia

Il costo di questo esame può subire diverse variazioni a seconda del centro in cui viene effettuato e sopratutto dalla tecniche richiesta. Mediamente, comunque, il costo medio di una colonscopia può aggirarsi in torno ai 400 Euro ed è spesso comprensivo di biopsie con successivi esami istologici. Se parliamo invece di Colonscopia Robotica, il costo medio si aggira intorno ai 1000 Euro. Per informazioni più dettagliate si consiglia di leggere la sezione del sito dedicata alle tariffe dei vari centri specializzati.

La Colonscopia provoca Dolore o fastidi?

Come precedentemente indicato, la Colonscopia è un esame endoscopico e consiste sostanzialmente nell’inserimento attraverso l’ano di una sonda endoscopica a fibre ottiche che permetterà una diretta e particolarmente precisa dell’interno del nostro intestino. Viste le premesse quindi, una colonscopia eseguita senza alcun tipo di sedazione potrà risultare estremamente fastidiosa e dolorosa per il paziente. E’ prassi consolidata quindi sottoporre il paziente a Sedazione al fine di rendere l’esame parzialmente o quasi del tutto non doloroso permettendo quindi all’operatore di eseguire agevolmente tutte le procedure cliniche necessarie. La colonscopia robotica è l’unica tecnica, secondo le specifiche Endotics, totalmente indolore che non necessita di ricorso a sedazione.

Il referto di una Colonscopia

Dopo aver terminato la Colonscopia sarà presentato, generalmente da parte del medico specialista, il referto dell’esame endoscopico appena effettuato. Questo referto viene generalmente presentato al paziente, fatto salve specifiche situazioni, poco dopo aver terminato la colonscopia in quanto occorrono generalmente pochi minuti al medico per stilare e riassumere tutti i dati clinici rilevati nel corso dell’esame. E’ buona norma che sia il medico stesso che abbia pocanzi eseguito la Colonscopia che interloquisca direttamente con il paziente in modo da fornire in maniera dettagliata ed argomentata non solo gli esiti diagnostici ma sopratutto indicazioni, prescizioni o comunque semplici consigli comportamentali idonei alla situazione rilevata. E’ una delle linee guida che chiediamo di rispettare ai nostri centri collegati.

All’interno del referto della colonscopia sono di prassi riportati non solo le informazioni ed i dati tecnici dello strumento endoscopico utilizzato per eseguire la colonscopia, ma vengono riportate nel dettaglio anche tutte le procedure operative eseguire momento per momento nel corso dell’esame. Per ogni sezione dell’intestino che verrà esplorarata verranno inoltre riportate indicazioni dettagliate in caso di presenza di alterazioni o comunque di situazioni anomale.

E dopo la Colonscopia?

A causa della sedazione endovenosa utilizzata nel corso della Colonscopia, è innanzitutto consigliabile non guidare nelle due ore successive l’esame. Se si è stati sottoposti alla Colonscopia Robotica indolore, il recupero sarà immediato. Inoltre, potrebbero presentarsi possibili gonfiori addominali che potrebbero svilupparsi successivamente l’esame: a tal proposito, generalmente e su specifica indicazione dello specialista, sarà consigliabile attendere almeno un’ora dopo il termine dell’esame prima di lasciare la struttura in cui si è eseguito l’esame. Il pieno recupero avverrà totalmente a partire dal giorno successivo.

Da un punto di vista alimentare, immediatamente dopo una colonscopia, è opportuno ricordare le seguenti indicazioni:

  • Evitare alcolici e bevande contenenti caffeina, teina o simili;
  • Evitare i cibi troppo grassi;
  • Nel caso in cui la colonscopia sia stata effettuata con una sedazione pesante, è consigliabile impostare una dieta liquida o semi liquida.
  • Prediligere una dieta a basso residuo insolubile, aumentando l’assunzione di fibre solubili
  • Si consigliano la cottura per lessatura, a pressione, a vapore, sottovuoto;
  • Introdurre i cibi con gradualità, soprattutto quelli scarsamente tollerati;
  • Aumentare la quantità di acqua e minerali nella dieta;

Le più recenti segnalazioni, domande e dubbi dai pazienti

Consulto del 17/05/2017 – Utente: anonimo

Domanda

Gentili dottori, buongiorno, dovrei effettuare nei prossimi giorni una colonscopia. Il mio grosso problema è il seguente: 1) sono affetto da polinevrite cronica demielinizzante, 2) sono affetto da insufficienza respiratoria di grado moderato-severo con utilizzo del ventilatore notturno, 3) sono portatore di stand coronarico (da due anni). Posso effettuare in tranquillità la colonscopia avendo i problemi sopra esposti? Salutando ringrazio.

Risposta del Medico

Gentile Paziente, abbiamo ricevuto la sua email. La ringraziamo per l’interessamento. L’esame può essere fatto con l’assistenza di un anestesista e previa valutazione dello stesso sulla scelta della sedazione. Per qualsiasi ulteriore richiesta di carattere clinico resto a sua disposizione. Cordialità.


Consulto del 08/05/2017 – Utente: anonimo

Domanda

Gentili dottori buongiorno, mio padre ha già fatto una colonscopia, ma purtroppo l’esame è stato sospeso per presenza di diverticoli ed aderenze varie. Loro mi hanno consigliato di rifare la colonscopia con una sonda pediatrica ma nella mia città non vi sono centri che possano fare questo esame ( papà ha 80 anni). Le volevo chiedere se presso le vostre strutture vi sia la possibilità di effettuarla. La ringrazio e la saluto.

Risposta del Medico

Gentile paziente, le consiglio di eseguire una colonscopia virtuale presso un centro di radiologia ( Aktis, SDN, o altri attrezzati per questa indagine ). Non è consigliabile utilizzare uno strumento pediatrico per rischio di perforazioni. Cordiali saluti.


Standard qualitativi dei centri

+ Info

Chiedici un consulto gratuito

+ Info

Informati

+ Info

I Nostri Centri in Italia

Per prenotazioni esami o visite presso uno dei centri o per richiedere maggiori informazioni, contatta la Segreteria Unica al numero 08.631.950.021 dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle ore 18:00 - sabato dalle ore 09:00 alle ore 13:00